sign logo

Network Genetico Italiano Sloveno

Le malattie genetiche

Atassia di Friedreich

CLINICA e PROGNOSI

L'Atassia Di Friedreich è la forma più frequente di atassia ereditaria ed è caratterizzata da atassia (progressiva perdita della coordinazione muscolare) ingravescente e altri segni neurologici (disartria, assenza di riflessi e spasticità agli arti inferiori, ridotta sensibilità propriocettiva e velocità di conduzione nervosa). In circa 2/3 dei casi si presenta una cardiomiopatia (di solito ipertrofica). Manifestazioni comuni sono inoltre diabete, scoliosi, piede cavo e atrofia ottica.

La malattia insorge generalmente durante l’infanzia o l’adolescenza; esistono tuttavia forme a esordio tardivo (>25 anni). Il decorso della malattia è lentamente progressivo, con perdita della deambulazione a circa 15 anni dall'esordio. Il decesso avviene di solito a causa di cardiomiopatia, in media all'età di 37 anni nelle forme tipiche. Le forme a esordio tardivo presentano invece un decorso più lento rispetto a quelle classiche.

GENETICA

L'Atassia Di Friedreich è una patologia a trasmissione autosomica recessiva ed è causata da mutazioni del gene FRX, localizzato sul braccio lungo del cromosoma 9. Nel 98% dei casi la mutazione consiste in una espansione di triplette (GAA) e nel 2% dei casi da mutazioni puntiformi o altre mutazioni.

DIAGNOSI

Il sospetto diagnostico è posto sulla base del quadro clinico. L'identificazione di mutazioni patogene nel gene FRX mediante analisi molecolare conferma poi la diagnosi clinica.

DIFETTO MOLECOLARE

L'assenza della proteina codificata dal gene FRX si ripercuote sul funzionamento mitocondriale e causa un’alterazione del metabolismo energetico della cellula. Sono in corso progetti di ricerca che ci permetteranno in futuro di chiarire il meccanismo alla base della malattia e sviluppare nuove strategie terapeutiche.

TERAPIA

Non esiste una terapia risolutiva della malattia. Fondamentale rimane pertanto il trattamento riabilitativo e il monitoraggio clinico per identificare precocemente eventuali complicanze.